Skip to content

tele bianche

24 ottobre 2009
TELA BIANCA
 
 
 

Eccomi qui finalmente sabato mattina , nessuna incombenza vitale,

ho la possibilità di dormire di più ma adesso che posso non ne ho voglia …

Riordino i pensieri sulle possibilità che ho:

opzione:

  rimetto in ordine gli armadi…………………

 mi metto  in ordine la contabilità di casa

 scrivo un racconto x ce lo sai ………………

 ascolto quello che in me si muove…………

Si  bene per la quarta!

E’ strano che corro tutta la settimana ,spesso colta da mille pensieri ,

quando finalmente come adesso posso pensare mi coglie una sottile inquietudine …

non so mai da che parte iniziare…come il panico davanti ad una tela vuota ….

ma non è il vuoto a spaventarmi anzi ,sono le troppe possibilità.

E’ la paura di sprecare occasioni preziose forse , di sbagliare  chissà….

forse di scoprire la povertà d’animo che  a volte incontro e che tanto mi spaventa …

…e se l’avessi dentro???

come se fallire nella vita  sia arrendersi e non ascoltarsi più…

Accorgersi alla fine della vita che l’hai sprecata a  riempire tele di cose inutili.

E allora mi ascolto e ritrovo "la paura della paura stessa…"

mia compagna di sempre.

Lei è feroce e subdola.

Ti  incatena a paure che non portano da nessuna parte se non all’immobilità .

A volte penso che sia il mio vizio “L’accidia” ad abusare di questo strumento per tenermi incatenata,

ma poi lascio correre…in fondo perché non lasciarsi andare?

La noia è sempre un finto problema ….

E la mia vita non sarà sprecata se rifletto su ciò che mi accade e lo porto alla coscienza…

Quello che resta saranno solo colori e linee

su tele  che in origine erano spaventose e bianche,

che magari un giorno guariranno anche me :) :) :)

……………e poi a chi le vendo???

 

Annunci
2 commenti leave one →
  1. lucetta permalink
    24 ottobre 2009 02:36

    Dopo una settimana di lavoro è sacrosanto concedersi momenti in cui si ascolta se stessi. Non avere paura di prendere coscienza di quello che devi migliorare in te e nel rapporto con gli altri….sono sicura che, anche solo per il fatto che ti poni interrogativi, non sei povera d\’animo, ma sei ricca e non stai sprecando la tua vita. Nell\’ascolto di quello che si muove in te, poniti nelle braccia di Maria, la mamma celeste, proprio come una bimba in seno alla sua mamma e…..fatti aiutare nel discernimento. Non pretendere di farcela da sola,….un abbraccio. Lucetta

  2. Anna permalink
    24 ottobre 2009 09:22

    La tua paura è anche la mia e da ciò che ascolto dalle persone che incontro quotidianamente o dagli sfoghi sui blog, direi che è una paura comune! Durante la settimana si è sempre così indaffarati da non avere il tempo di pensarci o forse evitiamo di farlo perchè in fin dei conti così, possiamo ricaricarci moralmente! Il fine settimana è il "nostro momento", possiamo rilassarci, coccolarci, dedicarci a ciò che amiamo e stare con chi amiamo, ma allo stesso tempo, abbiamo anche il tempo per riflettere e mettere le "famose carte in tavola"……giocare la partita non se ne parla: troppa paura di perdere, ma allora che fare? Forse sperare di essere semplicemente "paranoici" o cercare di limitare gli errori…..In ogni caso,già il fatto di porsi il problema, mette in risalto il fatto che possiamo definirci in ogni modo, fuorchè vuoti! Besitos

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: