Skip to content

Echi

1 novembre 2011

Echi

Scalfiscono ferite incise

Si propagano di parete in parete

Lavano via l’odore di te

E lasciano sulla mia pelle,

il vuoto dell’oblio.

Annunci
10 commenti leave one →
  1. lucetta permalink
    1 novembre 2011 16:10

    Ti lascio un abbraccio che spero tu possa “sentire”.

    • 4 novembre 2011 19:03

      arrivo con un pò di ritardo…scusate…
      ma quanto siete cari? è così bello ritrovarvi quando “torno”…
      e si Lucetta sento molto più di quanto posso ammettere…
      un abbraccio :) :) :)

  2. 1 novembre 2011 21:15

    un bacio sul naso!!!

  3. 2 novembre 2011 08:33

    Importanti, importantissime profonde riflessioni espresse poeticamente in modo meraviglioso.

    Ciao, un abbraccio.

  4. 2 novembre 2011 15:34

    cara cotoletta…. :-) chissa’che combini…

  5. 2 novembre 2011 22:53

    Echi malinconici…
    Ma il vuoto è spazio nuovo da riempire con nuove cose belle.

    • 4 novembre 2011 19:14

      vero!!!
      ma sai com’è la malinconia a volte è come un vestito che ti riscalda quando il vento soffia forte e freddo, ti sferza le orecchie, ti gela la punta delle dita e ti fa diventare rossa la punta del naso …(e non per il rossetto di Ariel)

      Grazie Claudio , pensare a un vuoto da riempire mi mette il buon umore :) :) :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: